Vincenzo Manes

Archivio

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Terzo Settore - Come attrarre i capitali privati

TERZO SETTORE

Come attrarre i capitali privati

Risorse pubbliche da usare per sollecitare donazioni, non per spingere la finanza d'impatto di Enzo Manes

Sono stato di recente chiamato in causa da Giovanna Melandri che su questo giornale ha ribadito le sue ragioni a favore degli investimenti ad impatto sociale. Il suo articolo si riassume in una contrapposizione. Da un lato ci sono i nuovi strumenti della finanza sociale, in grado di smuovere ingenti capitali per far crescere imprese sociali e terzo settore, che la sua Human Foundation promuove e su cui ha centrato il lavoro della Taskforce G8 di cui è presidente.

Dall'altro ci sarebbe invece un'impostazione tradizionale e inadeguata, di cui io sarei tra i sostenitori, basata su un dualismo stato-mercato dove al primo spetta la spesa per il sociale mentre il secondo si dedica alla filantropia.

Leggi tutto

Così si può rilanciare il servizio civile per i Giovani

COSÌ SI PUÒ RILANCIARE IL SERVIZIO CIVILE PER I GIOVANI

di ENZO MANES*

 

Caro Direttore, 

di servizio civile negli ultimi anni si è parlato poco o nulla. E purtroppo non basta da sola la bella iniziativa dei festeggiamenti del 2 giugno che la Camera gli ha dedicato per cambiare questo dato di fatto. 

Sia che se ne proponga l'obbligatorietà, come sostiene Salvini, o lo si concepisca nei termini di un diritto universale dei giovani, come scrive Vita, il problema di cosa fare di questo istituto va affrontato, anziché tenerlo in vita con la respirazione artificiale. La legge-delega sul terzo settore riafferma l'idea che c'è un tempo della vita di un giovane che può essere dedicato utilmente all'impegno sociale. È un buon punto di partenza, purché si riesca a renderlo un impegno utile. 

Leggi tutto

Riforma terzo settore, Manes: “Non snaturiamo l’impresa sociale”

Il consigliere pro bono del presidente del Consiglio per il terzo settore nonché presidente di fondazione Dynamo Camp e del gruppo Intek, torna a battere sul tasto della remunerazione del capitale investito nel no profit: "Lasciamo che i limiti restino e impegniamoci piuttosto a stimolare la raccolta di vero capitale paziente"

 

Un mio articolo pubblicato su ilfattoquotidiano.it qualche giorno fa ha suscitato delle risposte stimolanti, dalle quali vorrei prendere spunto per ribadire alcuni punti che in questo confronto mi sembrano importanti.

Leggi tutto

Il ruolo non marginale dell'impresa sociale in Italia

Il ruolo non marginale dell’impresa sociale in Italia.

di Vincenzo Manes

Con un tasso di disoccupazione del 12,7% (febbraio 2015), che per i giovani sale al 42,6, e una finanza pubblica che non lascia alternative ad una politica di revisione della spesa, in particolare nel settore del welfare, il discorso sull’impresa sociale assume in Italia contorni che non coincidono con le esperienze di cui parlano Martin ed Osberg nel loro articolo. E non certo perchè i casi citati non siano significativi.

Leggi tutto

Riforma del terzo settore, gli investimenti sociali sono trendy ma non è priorità

Pubblichiamo l'intervento di Vincenzo Manes, consigliere pro bono del presidente del Consiglio per il terzo settore nonché presidente di fondazione Dynamo Camp e del gruppo Intek, sul tema dei contributi privati alle organizzazioni senza fini di lucro.

 

A parte gli addetti ai lavori pochi sanno che in Senato sta per essere approvata una legge delega i cui effetti potrebbero essere di grande rilievo. Riguarda il terzo settore, ovvero tutte quelle organizzazioni tramite cui la nostra società si attiva per risolvere problemi di interesse pubblico senza dipendere necessariamente dallo Stato. E senza mettere al primo posto una motivazione economica. Non è un settore marginale e non si occupa solo di situazioni di marginalità, a dispetto di ciò che si è abituati a pensare. I numeri sono rilevanti: 301.191 organizzazioni e quasi un milione di addetti. Considerando solo le cosiddette imprese sociali di fatto, cioè le organizzazioni del terzo settore in cui l’attività imprenditoriale è prevalente, gli occupati sono oltre 700.000 e gli utenti serviti circa 6 milioni.

Leggi tutto

Dynamo Bike Challenge: un modello che rappresenta in Italia una sfida culturale.

Pedalate per la solidarietà

Da una parte i bambini affetti da patologie gravi che per una settimana riescono a sorridere. Dall'altra le montagne e i paesaggi della provincia di Pistoia. In mezzo la bicicletta. Non una, ma tante. Ecco la Dynamo Bike Challenge presentata ieri al Foro Italico: sei percorsi per cicloamatori e cicloturisti tutti da pedalare sabato 23 e domenica 24 maggio (info e iscrizioni www.dynamocamp.org).

Ma si gareggia anche su un altro circuito, quello della raccolta di fondi per Dynamo Camp, il centro di terapia creativa che vuole “Sviluppare un modello che in Italia rappresenta ancora una sfida culturale”, parole di Vincenzo Manes, il presidente della Fondazione.

Ogni iscritto s'è già alzato sui pedali, diventando fundraiser. C'è anche da battere un record collettivo, quello dell'anno scorso, quando fra sponsorizzazione e contributi dei ciclisti, si raggiunse la cifra di 174.794 euro. Ieri, per il battesimo 2015, c'erano anche il presidente del Coni Giovanni Malagò e quello della Federciclismo Renato Di Rocco. Pedalerà per Dynamo Camp anche il team di Sky Sport capitanato da Giovanni Bruno.

Leggi tutto

L’impresa sociale? Ora esiste

L’impresa sociale? Ora esiste

Lo dice l’Agenzia delle Entrate

Intervista con Enzo Manes

In attesa di una legge che fatica ad arrivare, quella che permetterà la nascita di una nouvelle vague dell’imporesa sociale in Italia, ci pensa l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad un interpello, a far nascere una nuova impresa sociale de facto. Dal 18 novembre 2014 (data della risposta all’interpello) è infatti possibile per una realtà non profit costituire una srl per perseguire finalità di business I cui utili verranno versati al 100% alla realtà non profit. Ad interrogare l’Agenzia delle Entrate è stata la Fondazione Dynamo che nel luglio scorso ha inviato la questione all’Ufficio Regionale della Toscana. Enzo Manes è il presidente della Fondazione.

Leggi tutto

Dynamo Camp diventa l'ateneo della solidarietà

Dynamo Camp diventa l'ateneo della solidarietà Ieri e oggi, sulla Montagna pistoiese, la presentazione dei nuovi progetti: gli imprenditori sociali di domani si formeranno a contatto con i piccoli

Gli imprenditori sociali di domani? Si creano a Dynamo Camp di Bimestre, sulla montagna pistoiese. Un percorso di alta formazione manageriale in imprenditoria sociale, organizzato da Fondazione Dynamo e fondazione Adriano Olivetti, in collaborazione con l’Università Bocconi di Milano, è la novità 2015 annunciata ieri da Vincenzo Manes, presidente della Fondazione Dynamo, e Serena Porcari, consigliere delegato, nel corso dell’Open day che questo weekend, come ogni autunno, di svolge a Limestre.

Leggi tutto

"Qua la Social Valley italiana"

Sono 1.200 i bambini gravemente malati che nel 2014 hanno trovato sulle colline verdi di Limestre nell'appennino pistoiese un periodo di gioia spensierata come spetta a tutti i bambini ma che spesso a loro non tocca: tra le cure, pur necessarie e preziose, e i genitori comprensibilmente in apprensione.

Lo hanno trovato a Dynamo Campo, il primo Camp italiano di terapia ricreativa, nato sulle orme di quelli americani fondati da Paul Newman nel 2007, allo scopo di offrire gratuitamente ai ragazzini gravemente malati una settimana di allegria e vacanza come tutti gli altri bambini. Imparando a fare cose che mai si sarebbero immaginati di fare, spericolandosi in giochi, misurandosi in attività culturali e artistiche, in grande libertà ma anche sotto un controllo esperto e costante eppure leggero invisibile.

Leggi tutto