Vincenzo Manes

Biografia

Ogni uomo, anche se non fa politica, è politico. E deve partecipare al meglio.

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Investitore e imprenditore industriale

Enzo Manes ha iniziato il suo percorso professionale nel private equity, di cui è divenuto uno dei principali protagonisti italiani. Intek Group, di cui è stato fondatore ed è presidente, è una holding di partecipazioni quotata alla Borsa di Milano. Il Gruppo controlla partecipazioni in KME AG (settore industriale), i2Capital Partners Sgr S.p.A. (private equity, hedge funds e real estate), Ergycapital S.p.A. (energie rinnovabili) e Culti (società che opera nel settore della produzione e distribuzione di fragranze d’ambiente d’alta gamma). Nel 2006, con l’acquisizione di KME, Enzo ha assunto in prima persona il ruolo di imprenditore industriale, con la responsabilità di uno dei gruppi leader a livello mondiale nel settore della lavorazione del rame e derivati. La società opera tra Europa e Cina in 12 stabilimenti, ha un fatturato consolidato di circa 1,7 miliardi di Euro (2016) e 3800 addetti.

Imprenditore sociale e filantropo

Accanto al settore profit Enzo nel corso degli ultimi venti anni ha dedicato un impegno crescente per lo sviluppo del Terzo settore. Prima come venture philanthropist e poi prendendo direttamente l’iniziativa come imprenditore sociale. Nel 2003 costituisce Fondazione Dynamo e nel 2007 Dynamo Camp: una realtà, con sede sulla montagna pistoiese, che accoglie bambini e adolescenti (quasi 1300 all’anno) affetti da patologie gravi e croniche per assisterli con terapie ricreative che aiutino ad affrontare la malattia e la convalescenza. Nel tempo il progetto Dynamo si è progressivamente ampliato, generando un articolato sistema di soggetti che concorrono alla sostenibilità a lungo termine delle sue attività. Dal 2004 è Fondatore e Presidente della Società Italiana di Filantropia. È l’unico imprenditore Italiano a far parte dal 2009 del Committee Encouraging Corporate Philanthropy (CECP), forum internazionale di origine americana che raggruppa CEO e Presidenti delle più grandi aziende americane con attività di corporate philantrophy. Dal 2013 è membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Olivetti. È Presidente della Fondazione VITA – azionista di maggioranza della Società editoriale Vita S.p.A., editrice del giornale VITA, settimanale italiano dedicato al mondo del non profit.

Civil Servant

Dal 2013 è Cavaliere al merito del lavoro, onorificenza con cui il Presidente della Repubblica riconosce il ruolo di quanti contribuiscono maggiormente allo sviluppo economico del paese. Dal dicembre 2014 al dicembre 2016 è stato consigliere pro-bono del Governo per il Terzo settore e lo sviluppo dell'economia sociale e in questo ruolo è stato impegnato nello sviluppo di strumenti e strategie per favorire la nascita e la crescita di iniziative di imprenditorialità sociale di rilevanza nazionale. In questa veste ha elaborato il progetto di costituzione della Fondazione Italia Sociale, inserito nella legge di riforma del Terzo settore (L.106/2016), per promuovere lo sviluppo degli enti del Terzo settore mobilitando risorse economiche e competenze di origine privata, al fine di consentire alle organizzazioni del sociale di affrontare le richieste sempre più complesse e numerose che emergono a livello nazionale. Nel 2016 ha ricevuto lo Special Robert Fitzgerald Kennedy Italy Award e nel 2017 è stato insignito del Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura – Premio speciale Cittadellarte – Fondazione Pistoletto.