Vincenzo Manes

Circular Economy for Business: il corso per manager più consapevoli

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Il modello di economia lineare attuale non è sostenibile per il Pianeta: lo sfruttamento di troppe risorse e di energia fossile non produce beni duraturi nel tempo, ma soprattutto riutilizzabili.

Tuttavia, esiste un ulteriore modello di economia, pensata per rigenerarsi da sola. L’economia circolare contempla due tipi di flussi di materiali: quelli biologici, che possono essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, che possono essere rivalorizzati anche se non rientrano nella biosfera.

Questo nuovo modello di business porta con sé una nuova visione del ciclo del prodotto, una visione che ricalca quello del ciclo di vita naturale. Un corso e ricorso della vita del prodotto, che consente allo stesso di essere pensato sin dall’inizio come un qualcosa che potrà essere riutilizzato.

In questa ottica si inquadra il corso executive Circular Economy for Business realizzato da KME collaborazione dei docenti del prestigioso Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna, realtà accademica specializzata nel promuovere lo sviluppo della ricerca scientifica e l’alta formazione.

Più Business sensitivity nelle aziende

Da quale necessità nasce questo corso? Naturalmente da quella di formare i manager del presente per realizzare insieme un futuro più consapevole: chi lavora nelle aziende deve prendere quotidianamente decisioni importanti ed è bene che lo faccia con un bagaglio di conoscenze idoneo al ruolo che ricopre. Il percorso si ripropone proprio di formare Circular Economy Manager che conoscano a fondo le dinamiche e le possibilità dell’economia circolare.

L’inizio del corso executive è previsto per ottobre 2019 e sarà articolato in 10 moduli, per un totale di 160 ore di formazione.

Per saperne di più partecipa all’evento riservato che Circular Academy ha organizzato l’11 luglio 2019.

L’ingresso è gratuito, ma i posti sono limitati, per cui è necessario prenotarsi.