Vincenzo Manes

Dynamo Camp vince il Fiorino d'Oro, riconoscimento all'impegno verso i deboli

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

"Ho il Fiorino, ora pago pedaggio"
Jovanotti premiato cita Benigni Beatricevon Rezzori, Dynamo e Carlo Conti tra gli insigniti

MASSIMO VANNI

“Mi viene in mente la famosa scena "Chi siete? Dove andate? Un fiorino". Adesso ce l'ho il fiorino e posso pagare il mio pedaggio”. Lusingato ed emozionato Jovanotti riceve dalle mani del
sindaco Matteo Renzi il riconoscimento ufficiale della città e cita il film “Non ci resta che piangere” con Massimo Troisi e Roberto Benigni. “Sono felice e sorpreso, mio babbo ne sarà molto fiero”, aggiunge il rapper, ricordando nel Salone dei Cinquecento le sue Inaugurato il nuovo bool( shop di Palazzo Vecchio, a luglio ci sarà anche la caffetteria origini toscane.
“All'apice della sua corsa ha scelto di rimettersi in gioco andando a suonare in Usa, come quei navigatori che, partendo da un fiumiciattolo come l'Arno,andarono a scoprire nuovi mondi”, spiega le ragioni del fiorino il sindaco Renzi. Che subito dopo la consegna dell'antica moneta a Jovanotti, ricorda Nelson Mandela, al quale un anno fa aveva consegnato il fiorino in Sudafrica: “Sta vivendo ore difficili e vorrei mandargli un grande abbraccio”. Oltre al cantante, altri quattro "premiati" per questa festa del patrono: don Corso Guicciardini della Madonnina del Grappa, Beatrice von Rezzori animatrice del Festival degli scrittori, l'associazione Dynamo Camp rappresentata dal suo fondatore Vincenzo Manes e il presentatore tv Carlo Conti.
E se per il cantante la motivazione sta nel viaggio, per il presentatore fiorentino sta nel rischio: “Ha lasciato a suo tempo un posto sicuro come impiegato per inseguire un sogno e ha imparato a rischiare”, spiega il sindaco.
Conti però corregge Jovanotti: “Essere toscani è diverso dall'essere fiorentini”. E Renzi subito dopo: “Quando è venuto il presidente del Consiglio Letta l'ho portato sulla torre e gli ho detto che qui le torri le facevamo dritte diversamente da loro>>. Cioè dai pisani. Renzi ha scelto di consegnare il fiorino a Vincenzo Manes, in quanto fondatore della Dynamo Camp che accoglie decine di ragazzi affetti da gravi patologie: “A Firenze la finanza non è mai stata usata per mettersi i soldi in tasca ma per creare ricchezza e restituirla sul territorio”.
Mentre per Beatrice von Rezzori, il sindaco ha ricordato come “rimasta vedova, ha deciso di continuare a ricordare l'opera del marito ospitando ogni anno nella sua casa scrittori internazionali”.
Dopo la cerimonia del Fiorino, il sindaco ha inaugurato il nuovo bookshop di Palazzo Vecchio, che si trova al pianterreno nel cortile della Dogana. A fianco della nuova caffetteria che sarà invece aperta al pubblico a luglio. Tra un anno arriverà anche il foyer del teatro romano, che dal cortile della Dogana consentir‡ di scendere agli scavi archeologici.