Vincenzo Manes

Per il progetto Dynamo Camp di Vincenzo Manes arriva la medaglia di Napolitano

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Arriva la medaglia di Napolitano

Al Dynamo Camp il prestigioso riconoscimento del capo dello Stato
Tra i visitatori il governatore Rossi, l'ex leader di Rifondazione Bertinotti e il sindaco di Firenze Renzi

S.MARCELLO.

Sta tutta nel coraggio e nella felicità del dare la magia di Dynamo Camp, che ieri ha aperto le porte al mondo delle istituzioni, delle aziende, delle associazioni e amici che da anni ne sostengono l'attività.
Una giornata di festa per illustrare i risultati del progetto, premiato anche dal Capo dello stato, che ha voluto donare una medaglia del presidente della repubblica all'edizione 2010 dell'Open day di DynamoCamp. Ed erano in tanti ieri mattina alla conferenza stampa, aperta da Vincenzo Manes, presidente della fondazione Dynamo: tra le prime file volti noti come il governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi, il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, l'ex sindaco Leonardo Domenici, l'ex leader di Rifondazione Comunista, Fausto BertinottL il direttore di Dynamo Camp, Roberto Orlandini, e il presidente della Provincia di Pistoia, Federica Fratoni. “Dynamo Camp è un laboratorio di coraggio e un impresa sociale di eccellenza, fatta non solo di grandi numeri, ma di grandi emozioni- ha esordito Manes, ringraziando autorità e istituzioni presenti insieme a tutto lo staff del camp - proprio in questi giorni ricorrono due anni dalla morte di Paul Newman, senza il quale questa esperienza oggi non esisterebbe, e credo che, se fosse stato qui con noi, sarebbe andato fiero del team italiano”.
Dynamo Camp, che dal 2007 ad oggi ha visto una crescita continua. Basti pensare che, da 60 bambini ospitati il primo anno, Dynamo è passato a 218 nel 2008 e 500 nel 2009, per arrivare a 787 nel 2010. Insieme al numero di bambini sono aumentate le tipologie di malattie accolte al camp: non solo le patologie oncologiche, ma anche neurologiche e neuromotorie, passando così dalle iniziali 28 alle attuali 44. E ancora, in questi tre anni lo staff di Dynamo ha messo a punto più programmi speciali, passando dai 12 del 2009, ai 17 del 2010, fra i quali 9 per bambini non accompagnati e 8 per famiglie ospiti del camp (che quest'anno sono state ben 145). Accanto alle sessioni estive, pasquali, natalizie e week-end, sono nati anche i programmi internazionali per ospitare i piccoli provenienti da tutto il mondo (sono stati 60 i bambini tedeschi, che hanno trascorso questa estate alla Dynamo). Sono circa 400 volontari, 90 ospedali, 180 fra imprese, associazioni, fondazioni e scuole, 15 partner professionali, 10 partner istituzionali 70 persone di staff e 22 medici e infermieri. Sono ben 496 i sostenitori individuali, attraverso il meccanismo del 5 per mille, 11 le aziende che aderiscono a programmi di volontariato aziendale, 7 le fondazioni sostenitrici. A questi si aggiungono la campagna di raccolta fondi, che tra il 2006 e i 2009 ha prodotto 8 milioni di euro, insieme a 100 mila messaggi telefonici solidali donati ad aprile 2010.

Roberta Ripaoni