Vincenzo Manes

Obbligazioni per opere sociali così la finanza «buona» fa crescere

Messaggio di errore

Notice: Undefined variable: is_front in eval() (linea 2 di /home/evincenp/public_html/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

La (cattiva) finanza è stata all'origine della Grande Crisi.

Possiamo immaginare oggi una finanza «buona», che aiuti a creare crescita e lavoro? Forse sì. I principali strumenti attraverso cui attivare il circolo virtuoso si chiamano social bond, obbligazioni con finalità sociali. Su iniziativa del premier britannico David Cameron, se ne è discusso anche al recente vertice del G8.

Emessi da banche e fondi, i social bond raccolgono risparmio privato, adeguatamente remunerato, per prestarlo a società (incluse cooperative, start-up e così via) che vogliono realizzare progetti in quei settori oggi drammaticamente sotto-finanziati: welfare, cultura, ambiente, valorizzazione dei territori. Nel mondo anglosassone i social bond si stanno diffondendo molto rapidamente ed anche in Italia alcune banche (ad esempio Unicredit o Banca Prossima) hanno già avviato iniziative in questa direzione. Le Fondazioni di origine bancaria possono giocare un importante ruolo di complemento: per alcuni progetti di housing sociale Cariplo ha cominciato ad esempio ad erogare fondi premiali aggiuntivi rispetto a quelli ottenuti tramite prestiti. In Inghilterra e negli Usa la finanza «buona» sta perfezionando uno strumento ancora più sofisticato: il social impact bond.

Qui i privati comprano titoli che finanziano programmi di pubblica utilità selezionati dallo stato; gli erogatori sono enti non profit; lo stato s'impegna ( «bond») a restituire il capitale, remunerato a tassi molto vantaggiosi, ma solo se il programma ha successo. Quando il circolo virtuoso si attiva, tutti ci guadagnano. L'Italia è il Paese Ue con il più alto stock di risparmio privato ma registra un enorme deficit di servizi. Recentemente Vincenzo Manes, Presidente di Intek-KME, ha fatto una proposta ardita (Corriere Fiorentino del 13 giugno): istituire un' «IRI delle imprese sociali» che, disponendo di circa 30 miliardi di euro annui, potrebbe creare fino a un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro. Manes propone di introdurre una tassa di scopo sulle ricchezze. Prima di pensare a nuove imposte o prestiti forzosi, perché non muovere su questa strada valorizzando i nuovi strumenti della finanza “buona”? Negli anni Sessanta il risparmio di tanti italiani co-finanziò (guadagnandoci) la costruzione dell'Autostrada del Sole. Anche se le infrastrutture di cui abbiamo bisogno sono essenzialmente di natura sociale, forse potremmo ripetere oggi quella straordinaria esperienza.

Maurizio Ferrera